Obbligo di repechage in caso di licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo

Vi segnaliamo qui di seguito alcune recenti sentenze su: obbligo di repechage; onere probatorio gravante sul datore di lavoro; insufficienza probatoria in ordine all’adempimento dell’obbligo di repechage; riduzione di personale; licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo. 

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e obbligo di repechage

La legittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo presuppone, da un lato, l’esigenza di soppressione di un posto di lavoro, dall’altro, la impossibilità di diversa collocazione del lavoratore licenziato (repechage), consideratane la professionalità raggiunta, in altra posizione lavorativa analoga a quella soppressa.

Con riferimento all’obbligo di repechage si è ritenuto, in particolare, che, trattandosi di prova negativa, il datore di lavoro abbia sostanzialmente l’onere di fornire la prova di fatti e circostanze esistenti di tipo indiziario o presuntivo idonei a persuadere il giudice della veridicità di quanto allegato circa l’impossibilità di una collocazione alternativa del lavoratore nel contesto aziendale.

Corte appello Milano sez. lav., 17/07/2019, n.1481

 

Soppressione della posizione lavorativa

La soppressione della posizione lavorativa ricoperta dal dipendente obbliga il datore all’assegnazione al lavoratore di altre mansioni professionalmente equivalenti disponibili nell’azienda nonché, previo consenso del lavoratore, anche di mansioni che abbiano un contenuto professionale inferiore. Laddove non ci fosse la possibilità di assolvere al suddetto obbligo di repechage, allora verrebbe integrato il giustificato motivo oggettivo di licenziamento. La privazione totale delle mansioni, invece, non può essere una alternativa al licenziamento.

Cassazione civile sez. VI, 10/04/2019, n.10023

 

Collocazione alternativa del lavoratore licenziato

In relazione all’assolvimento dell’obbligo di repechage, il datore di lavoro ha l’onere di fornire la prova di fatti e circostanze di tipo indiziario o presuntivo che possano dimostrare la veridicità di quanto allegato circa l’impossibilità di una collocazione alternativa del lavoratore licenziato all’interno contesto aziendale.

Cassazione civile sez. lav., 18/02/2019, n.4672

 

Obbligo di repechage: inquadramento del lavoratore licenziato

Alla luce dell’art. 2103 c.c., come riformulato dall’art. 3 del d.lgs. n. 81/2015, l’obbligo di repechage si estende anche alle mansioni riconducibili al livello di inquadramento immediatamente inferiore senza che vi sia necessità del consenso o di una manifestazione di disponibilità del lavoratore.

Tribunale Trento, 18/12/2017

 

Estinzione e risoluzione del rapporto di lavoro

In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l’insufficienza probatoria in ordine all’adempimento dell’obbligo di “repêchage” non è sussumibile nell’alveo della manifesta insussistenza del fatto, contemplata dall’art. 18, comma 7, st.lav., nella formulazione, modificata dalla l. n. 92 del 2012,

Ricollocazione del lavoratore incompatibile con l’assetto organizzativo

In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, determinato da ragioni tecniche, produttive e organizzative, l’ambito del sindacato giurisdizionale, con riferimento all’obbligo del “repechage”, non può estendersi alla valutazione delle scelte gestionali ed organizzative dell’impresa, espressione della libertà di iniziativa economica tutelata dall’art. 41 Cost.; ne consegue che il detto obbligo non può ritenersi violato quando l’ipotetica possibilità di ricollocazione del lavoratore nella compagine aziendale non è compatibile con il concreto assetto organizzativo stabilito dalla parte datoriale.

(Nella specie, la S.C. ha ritenuto giustificato il recesso datoriale per il fatto che la ricollocazione del dipendente, già inquadrato nell’organico a tempo indeterminato di un ente consortile, sarebbe potuta avvenire in sostituzione di lavoratori impegnati in attività aventi carattere meramente stagionale).

Cassazione civile sez. lav., 06/09/2018, n.21715

 

Obbligo di repechage: su chi incombe l’onere della prova?

Poiché onere di allegazione ed onere probatorio non possono che incombere sulla medesima parte, nel senso che chi ha l’onere di provare un fatto primario (costitutivo , modificativo o estintivo del diritto azionato), ha altresì l’onere della relativa compiuta allegazione, non incombe sul lavoratore licenziato per giustificato motivo oggettivo, ex art. 3, seconda parte l. 604/1966, l’onere di segnalare le postazioni di lavoro – analoghe a quella soppressa ed alla quale era adibito – cui essere utilmente riallocato (cd. obbligo del repechage) in alternativa al licenziamento.

Tribunale Perugia sez. lav., 05/07/2018, n.292

 

Datore di lavoro: cosa deve provare?

Con riguardo all’obbligo di repechage in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, l’onus probandi è a carico del datore di lavoro. Questi ha l’obbligo di provare non solo che al momento del licenziamento non sussisteva alcuna posizione di lavoro analoga a quella soppressa alla quale avrebbe potuto essere assegnato il lavoratore licenziato per l’espletamento di mansioni equivalenti a quelle svolte, ma anche di aver proposto allo stesso la possibilità di un suo impiego in mansioni inferiori rientranti nel suo bagaglio professionale, e che il lavoratore le abbia rifiutate.

Corte appello Roma sez. lav., 12/03/2018, n.842

 

Ragioni economiche ed organizzative del licenziamento

L’obbligo di repêchage costituisce un elemento strettamente connesso alle ragioni economiche ed organizzative poste alla base di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Spetta, pertanto, al datore di lavoro che vuole dimostrare la legittimità dell’atto risolutivo del rapporto, provare non solo la effettiva presenza delle ragioni economiche o organizzative che hanno determinato il licenziamento, ma anche la mancanza di posizioni di lavoro o mansioni libere in azienda e ciò a prescindere dal fatto che il lavoratore ne abbia o meno dedotto l’esistenza in giudizio.

Tribunale Venezia sez. lav., 13/06/2017, n.358

 

 A cura dello Studio Elpac srl