nuova modalità richiesta assegni nucleo familiare dal 01 aprile 2019

Da tale data, infatti, i lavoratori interessati dovranno avanzare l’istanza per la richiesta degli ANF esclusivamente in modalità telematica, mentre fino al 31 marzo 2019 sarà ancora possibile utilizzare il modulo cartaceo “ANF/DIP” (SR16).

 

NUOVE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Come anticipato in premessa, dal 1° aprile 2019 le domande di assegno al nucleo familiare dei  lavoratori  dipendenti dovranno essere presentate direttamente all’INPS, esclusivamente in modalità telematica.

Pertanto, non sarà più possibile presentare al datore di lavoro il modello “ANF/DIP” (SR16) a decorrere da tale data, in quanto dal 1° aprile 2019 l’unico canale legittimo di presentazione delle istanze sarà telematico.

A tale proposito, l’INPS spiega che le domande inviate tramite il canale telematico saranno istruite dall’Istituto al fine di:

  • verificare il diritto del lavoratore a beneficiare dell’ANF;
  • determinare la misura della prestazione familiare, individuando gli importi giornalieri e mensili teoricamente spettanti in riferimento alla composizione del nucleo familiare e dei redditi conseguiti nel periodo di riferimento.

 

Il richiedente sarà informato direttamente dell’esito della sua richiesta solo in caso di reiezione, in quanto gli verrà inviato il relativo provvedimento. Nella sezione “Consultazione domanda” dell’area riservata (accesso al sito INPS mediante PIN) sarà comunque possibile visionare l’esito della domanda presentata.

Qualora si verifichi una variazione del nucleo familiare ovvero qualora si modifichino le condizioni reddituali, il lavoratore dovrà presentare, sempre in modalità telematica, una domanda di variazione per il periodo di interesse, avvalendosi dell’apposita procedura “ANF DIP”.

ISTRUZIONI OPERATIVE PER I LAVORATORI

Dipendenti di aziende del settore privato

I lavoratori interessati, a partire dal 1° aprile 2019, dovranno presentare la domanda di ANF all’INPS solamente in modalità telematica mediante uno dei seguenti canali:

  • WEB, accedendo al servizio on-line dedicato presente sul sito istituzionale dell’INPS (www.inps.it), mediante PIN dispositivo, identità SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2 ovvero CNS (Carta Nazionale dei Servizi);
  • Patronati e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi (anche in assenza di PIN).

ISTRUZIONI OPERATIVE PER I DATORI DI LAVORO

Domande presentate in modalità cartacea fino al 31 marzo 2019

Per quanto riguarda le domande presentate in modalità cartacea entro il 31 marzo 2019 e riferite al periodo 1° aprile 2019 – 30 giugno 2019, la Circolare n. 45/2019 precisa che i datori di lavoro potranno erogare le prestazioni di ANF, e procedere al relativo conguaglio, secondo le modalità sinora utilizzate, calcolando quindi l’importo dovuto al lavoratore sulla base delle dichiarazioni presenti nell’istanza e la tipologia di contratto del lavoratore.

I datori di lavoro che riceveranno domande di ANF in formato cartaceo entro il 31 marzo 2019 potranno liquidare gli assegni ed effettuare il relativo conguaglio fino alla denuncia contributiva relativa alle competenze di giugno 2019. Decorso tale termine non sarà più possibile effettuare conguagli sulla base di domande cartacee.

Successivamente, dovendo i lavoratori inoltrare una nuova domanda per il periodo 1° luglio 2019 – 30 giugno 2020, dovranno necessariamente inviarla in modalità telematica e, pertanto, troveranno applicazione le nuove modalità di gestione degli ANF.